Articolo in evidenza

Della tecnologia e delle idee

Come vi ho già spiegato, se avete letto la pagina chi sono presente in questo sito, ori0n nasce come magazine di informazione tecnologica e vuole diffondere in Italia e su internet ogni informazione e ogni novità che attraverserà l’etere. Al momento lavorerò in solitaria, ma potrete tranquillamente contattarmi dalla pagina relativa per unirvi al nostro team.

Ma cominciamo col chiederci di quale tecnologia parleremo. Il termine tecnologia difatti è un termine estremamente ampio, che può coinvolgere una vasta varietà di oggetti ed elementi: dall’hardware al software, dai videogiochi ai navigatori satellitari. È chiaro che parlare di tutto sarà difficile, ma questo magazine non vuole porsi limiti. Tutto il mondo tecnologico sarà il nostro mondo. Continua a leggere

Articolo in evidenza

L’esplosione delle startup innovative: il mercato della tecnologia in Italia

Forse non conoscete la figura giuridica della startup innovativa, e per questo vi darò adesso una carrellata generale per potervi far capire la notevole portata di questa notizia. La startup innovativa è una tipologia di società commerciale semplificata, destinata a tutti coloro che hanno intenzione di costituire una società per realizzare progetti aventi caratteristiche di innovazione tecnologica.

Insomma, la startup innovativa vuole semplificare le pratiche burocratiche e notarili a quei giovani che abbiano i mezzi, le idee e la volontà di intervenire sul mercato con una idea rivoluzionaria in campo tecnologico. Il decreto crescita bis varato nel 2012 dal Governo Monti ha introdotto tale misura nella speranza di vedere esplodere la voglia e il desiderio di crescita nelle giovani menti italiane. Vediamo un po’ quali sono i risultati ottenuti da questa riforma. Continua a leggere

Articolo in evidenza

Le buone ragioni per investire nella tecnologia

Molti dicono che non sia un buon periodo per investire: gli effetti devastanti della recessione sulla economia mondiale hanno reso inopportuno rischiare denaro che potrebbe servire per le proprie spese quotidiane. E molto spesso si preferisce depositare propri risparmi in banca e lucrare sul basso ma sicuro tasso di interesse da esse offerte.

D’altronde, vi sono anche opinioni discordanti, le quali affermano che in questo periodo sia una buona idea quella di investire, potendo trovare azioni sottocosto e guadagnare sulla loro rivendita quando, in una fase crescente del mercato, il loro valore sarà tornato sui normali ed elevati valori. In questo senso, diviene allora necessario individuare i settori e le aziende in cui sia più sicuro investire.

Tecnologia e investimento: una buona accoppiata?

Il settore tecnologico non mostra mai segni di recessione. In fondo, per lavoro o per passione, per passare il tempo o per lo studio, tutti abbiamo sempre bisogno di un computer, di un navigatore satellitare, di un lettore mp3 o, recentemente, di un ebook reader. È facile, insomma, che tali società producano fatturato anche in periodo di forte recessione economica.

Questo comporta che l’acquisto di azioni di società impegnate nel settore tecnologico raramente determinerà un risultato negativo, a condizione che il prezzo attuale delle azioni si sia decrementato rispetto al livello normale del valore di mercato: società come Apple, Microsoft, Intel, IBM, Hewlett Packard, faranno molto facilmente piacere a chi intenda tentare un pizzico di rischio, ma senza esagerare.

Chiaramente ogni decisione sul mercato borsistico deve passare attraverso i consigli e le decisioni di un esperto. Ascoltare l’opinione di questi soggetti è fondamentale, laddove la propria competenza non sia già sufficiente a poter decidere consapevolmente nella materia degli investimenti e dei mercati finanziari.

Il settore crescente del Social

Notizie recenti e continue sono quelle relative alle evoluzioni e alle crescite esponenziali cui vanno incontro le nuove grandi società che servono i propri servizi nel mercato dei social media: FaceBook, Twitter, Instagram, Google, sono tutte società che trovano i propri guadagni nell’etere e che, in questi ultimi periodi, stanno conoscendo una verticale ed eccezionale esplosione! Il fatturato di tali società dovrebbe facilmente indurre una analisi concreta e approfondita della situazione finanziaria, economica e patrimoniale di tali soggetti giuridici.

Quanto mai opportuno allora seguire le recenti evoluzioni e le news più vicine relative a queste grandi società, per poter determinare un quadro completo della situazione contingente. Mark Zuckerberg è un esempio certo calzante della possibilità di guadagnare nel mondo dei social: certo, dalla sua c’è il fatto che lui è stato l’ideatore di uno dei social network più celebre al mondo, ossia FaceBook, ma attraverso la sua formazione in società di capitali anche i cittadini qualunque possono partecipare di tale ricchezza.

In fondo, i social media offrono grandi possibilità di pubblicità, e dunque attirano a sé notevoli capitali. Proprio di questa loro attitudine si dovrebbe approfittare, per portare nel proprio portafoglio almeno una parte degli ingenti volumi di dollari prodotti da queste vere e proprio macchine da soldi.

Un trasduttore auricolare mi ha salvato il sabato sera!

Posso capire che vi sembri una boiata, e invece non è così. Né dovete pensare che io abbia visto un trasduttore auricolare bluetooth in calzamaglia e mantello volare verso di me per salvarmi. Eh no, ahime, niente di tutto questo, ma comunque e pure io devo ringraziare di aver comprato questo mio auricolare, perché altrimenti il mio sabato sera sarebbe andato in sé e per sé a farsi benedire, e pure e anche senza troppi o eccessivi complimenti. E infatti me ne stavo guidando tranquillo a tornare dal lavoro quando all’improvviso mi suona il cellulare.

E io ho pensato di non rispondere perché ci ho pensato proprio in puro automatismo. Suona il telefono, ma io sono in auto, quindi non rispondo. E invece per fortuna mi sono ricordato di avere il mio bel trasduttore auricolare bluetooth e così ho potuto rispondere anche se stavi guidando. E per fortuna, io vi ripeto, perché era il mio miglior amico che mi diceva che la serata era saltata e che mi dovevo dirigersi verso un bar del tutto diverso, e molto ma molto lontano da quello a cui invece avevamo deciso per l’inizio di dirigerci. Ma insomma, voi vi direte, è così importante?

Eccome! E infatti era fondamentale che io rispondessi in quel momento, perché stavo imboccando l’autostrada in una certa direzione, con il traffico della prima serata, e sapete quanto casino ci avrei messo per uscire e rientrare da quella autostrada per andare nella direzione del tutto opposta e verso il nuovo bar che avevamo ormai deciso? Alla lettera, un sacco di tempo in più! Quindi ancora grazie, grazie e di nuovo grazie a questo trasduttore auricolare migliore: non posso ora che consigliarlo a chiunque, sapete?

E la benzina risparmiata

Infatti, se penso anche che in questo modo ci ho risparmiato la benzina e il pedaggio e la usura della macchina e la arrabbiatura pure, allora non posso che convincermi della bontà della mia scelta: aver comprato questo piccolo aggeggio e averlo installato col mio dispositivo, e poi e anche e pure di essermi ricordato di portarlo, in sé e per sé, nella macchina prima di uscire per andare al lavoro. In caso contrario, mi sarei trovato in un gran bel guaio, io vi dico!

E voi, avete un trasduttore auricolare bluetooth? Avete mai vissuto grazie a lui dei colpi di fortuna pari al mio che vi ho raccontato?

Tutti i altoparlanti acustici wireless che vuoi!

Io mi chiedo se ho solo io la impressione, o pare invece e anche solo a me, che ogni qual volta che mi guardo un po’ in giro e mi trovo una vetrina di un negozio di elettronica o anche e pure generico, mi trovo sempre una miriade di modelli di casse acustiche? Per davvero, a me pare proprio che un po’ tutti abbiano poi pensato a comprare uno di questi modelli di altoparlanti acustici nuovi, e che nessuno prenda più ma proprio più le vecchie casse coi fili e i cavi usb da attaccare al pc. Un po’ scomodi è vero, ma non vi è proprio nessuno che le ha più: ma allora queste casse acustiche con wireless ce le hanno proprio tutti?

E in effetti quasi sembra che siano diventati dei veri e propri strumenti professionali, visto che se ne vedono di tutte le forme e di tutte le dimensioni o di tutti i colori possibili, io vi dico, che sembra quasi che vi siano molti più altoparlanti acustici wireless diversi tra loro che non invece dello stesso modello. Ma in questo io credo e dico pure di essere favorevole, dato che tutto questo in fondo va in favore di una buona esistenza di variegato e non invece della omologazione, e dunque ben venga che la gente esprima se stessa in ogni modo e, se possibile, anche e pure con questi altoparlanti acustici.

Se vi fidate di quel che vi dico che è secondo me molto opportuno favorire questo, anche e pure perché in questo modo se possibile si smuove ancora e ancor più il mercato, e si fa in modo da rendere le aziende più propense a investire in questo settore, cosa che direi che oggi in specie diviene quanto mai importante e opportuna, e allora mettiamoci tutto quanto sia possibile, o sbaglio?

E come fare a trovare la propria?

Ed ecco allora che io vi dico che vi sono più diversi modelli tra cui potete scegliere nel settore in tutto e per tutto proprio di altoparlanti acustici, e in specie voi potreste anche mettervi a stare bene attenti e a curare tutti i colori e le fantasie che potreste decidere di andare a scegliere. Lo ripeto, e lo ripeto per voi e a vostro vantaggio. Potete scrivere un commento su questo post o scrivere a me nei contatti, se siete timidi.

Il localizzatore satellitare che ti salva il weekend

D’accordo, ora vi racconterò un gran bell’aneddoto, e voi vi dovete proprio fidare di me e di quello che or ora vi vado a dire. Né dovete pensare o immaginare che io mi stia inventando tutto, anche perché io penso che molti di voi ci siano passati almeno una volta in vita loro. Eh no, qui il nostro bel caro localizzatore satellitare ci ha salvato le chiappe, e niente di tutto questo, ma comunque e pure io devo ringraziare di aver comprato questo mio modello nuovo e aggiornato di localizzatore satellitare, perché altrimenti il mio weekend sarebbe andato in sé e per sé a salutarmi. E infatti me ne stavo gironzolando tranquillo per l’autostrada quando ho mancato l’uscita designata.

E io ho pensato di non uscire fin da subito perché ci ho pensato proprio che magari tre uscite dopo con un certo giro me la sarei cavata. E invece male male non era così. Ma grazie alla fortuna mi sono ricordato di avere il mio nuovo localizzatore satellitare nel portaoggetti e me lo sono piazzato sul parabrezza e così ho potuto trovare in poco tempo la strada giusta. E per fortuna, io vi ripeto, perché se avessi preso quella uscita che pensavo io mi sarei diretto verso un posto del tutto diverso, e molto ma molto lontano da quello a cui invece avevamo deciso per l’inizio di dirigerci.

Insomma! E infatti era a dir poco importante che io correggessi subito e in quel momento la strada che stavo facendo, perché stavo imboccando l’autostrada in una certa direzione, con il traffico della prima serata del weekend, e sapete quanto casino ci avrei messo per ritrovare la strada giusta da quella uscita là per andare nella direzione del tutto opposta e verso il nuovo bar che avevamo ormai deciso? Alla lettera, un sacco di tempo in più!

E così si tira un sospiro di sollievo!

Infatti, se penso anche che in questo modo ci ho risparmiato e le ansie e le arrabbiature e tutti gli scleri vari ed eventuali, allora non posso che convincermi di aver fatto la scelta giusta: aver comprato questo piccolo localizzatore satellitare e averlo messo a portata di mano nel mio vano portaoggetti, e poi e anche e pure di essermi ricordato di portarlo, in sé e per sé, nella macchina prima di uscire per andare a ficcarmi in quella autostrada.

Una fotocamera subacquea per ogni occasione!

Non ho potuto non vederla fin da subito quando ci sono passato così vicino in punto vendita, e dunque mi son detto “ma perché mai io non dovrei pigliarla?”. Poi insomma ho fatto con maggiore concentrazione e più caso al costo, il quale mi ha un po’ disincentivato ad acquistarla. Eppure io mi sono dovuto anche frenare e allora mi sono chiesto in concreto: ma non è che forse potrei anche trovare lo stesso modello di fotocamera subacquea che mi piace così molto anche su internet, e magari e anche a un costo decisamente inferiore?”. E in effetti, la ho trovata!

E ciò indica in effetti che la rete internet offre molte ma molte occasioni per arrivare a conseguire i prodotti che noi desideriamo e di conquistare anche e pure un gran bel risparmio di gran denaro, grazie agli sconti che si possono trovare. E io sono stato molto redditizio in questo, perché la fotocamera subacquea di cui vi sto parlando ha veramente una gamma davvero enorme di funzioni a dir poco rilevanti, oltre ad alcune specifiche di base che sono così alte da avermi non poco sconcertato, e direi che questo non è poco dato che io sono anche un esperto in questo settore di specie.

A questo punto allora io credo che anche voi vi siate incuriositi e allora vogliate provare a scortare le mie tracce. E in questo senso io non posso fare altro se non rincuorarvi, perché io credo che tutti dobbiamo avere se svolgiamo in questo specifico luogo una fotocamera subacquea ricca di mille e molte funzioni, con la quale finire in sé e per sé tutte quelle foto sotto acqua che in caso contrario non si sarebbero potute completare in sé e per sé. O non lo pensate mica anche voi, fatemelo sapere scrivendomi un commento o una email dalla pagina dei contatti!

Le tante opzioni di una fotocamera di buon livello

Ebbene sì, in alcuni settori del mercato è più che ben possibile spingersi e assicurarsi un risultato simbiotico di efficienza e risparmio, i quali io poi credo sono il sogno di ciascuno di noi in quanto a oggetti per le immersioni e per il lavoro in ambito lavorativo, se si è fotografi di professione. Inoltre io credo che la qualità sia primaria, e dunque non si può fare a meno di strumenti che siano in tutto e per tutto adeguati alla cosa e al loro ruolo e al risultato che si desidera ottenere.

Questo robot lavapavimenti mi ha cambiato la vita!

E potete credere a me che non sto esagerando! Io vi dico proprio qui e ora che da quando uso questo nuovo modello di robot lavapavimenti che ho comprato io penso che mi sono andato a indicare e a terminare ogni singolo lavoro che avrei dovuto fare in casa e in cucina e in camera e in sala e al fine di pulire e spolverare i pavimenti e a farli tornare al loro naturale splendore. Insomma, posso dire di essere a dir poco fiera del mio nuovo robot lavapavimenti e di come esso sappia lavare!

Da questo punto di vista io penso che si debba anche considerare le serenità che si deve avere nella indagine di quello che è il prototipo più adatto a te e alle tue necessità e ai tuoi gusti e così via, insomma, ma questo non significa comunque che il risultato finale non sia così tanto appagante da poter valere alla grande tutta la faticata che nel frattempo avrai speso per caratterizzare e trovare e comprare quel robot lavapavimenti migliore che stavi aspettando da tempo. Io penso anzi che tu debba concentrarti proprio su questa prima fase di indagine.

E una volta individuata in questo modo e così il tuo obiettivo di acquisto, è ben chiaro che la tua operazione di compera non si potrà concludere così, in quanto noi non stiamo parlando di una investigazione in sé e per sé e dunque e anche fine a se stessa; no, anzi, noi ci stiamo qui occupando di una cosa ben diversa, che è dunque e cioè la soddisfazione dei propri desideri di lavoro come uno strumento più che adeguato.

Un robot che sa fare tutto quello di cui si ha bisogno!

Esatto, ed è proprio così che opera, infatti una volta che si trova tutto quanto si desidera avere, ecco che allora arriva tutto quanto tu abbia anche prima desiderato e ti consente di giungere ai risultati tanto ma tanto auspicati. Che poi è anche e pure quello che tu hai sempre sognato, o sbaglio? Per lo meno in ambito di cura della propria casa, o in ambito di opera di casalinga se questo è invece o anche il tuo traguardo, uno strumento capace ed efficiente è tutto quello che può darti dei risultati da non dimenticare. E allora prova a concentrare le tue prossime ricerche non in sé e per sé!

La riparazione di una sega circolare? Da pazzi!

Ma da questo punto di vista ecco allora quale sia tutto il problema in sé e per sé che io considero in pieno e in tutto il tempo da un ruolo che tutti sanno, e lo sanno per davvero tutti e anche io in fondo dato che ho voluto dare un nuovo approfondimento a questo tema della riparazione di una sega circolare, la quale riparazione è infatti e in tutto e per tutto da doversi considerare in un senso univoco e tutto proprio anche al fine e al ruolo di alleggerire il nostro lavoro.

A questo punto io vi consiglio di andare avanti e di proteggere ma anche e pure di stare ben attenti a un ruolo che è del tutto da curare nel ruolo di quanto ci si sarebbe potuto dare, ma che in fondo non ha in realtà ben nulla ma anzi di tutto e tutto quanto ci si sia considerati e che piace allora anche a noi. E sia ben chiaro infatti e appunto allora che una riparazione di una sega circolare, è molto difficile, ma molto ma molto complicato. E ciò non è solo e soltanto per spaventarvi un poco, dato che è del tutto pericoloso se non si sa bene che cosa toccare.

Io ritengo poi e allora che forse quasi convenga stare bene attenti ad acquistare una nuova sega circolare, e questo è solo in base al punto di vista che ci permette di considerare del tutto e allora e anche una cosa di ben molto importante, ossia tutto quanto ci si sarebbe aspettati in realtà ciò che dà e considera da un punto di vista economico. E infatti la economia deve essere comunque bene considerata, visto il problema della crisi dei soldi che a oggi si viene a determinare nella realtà della cosa.

Meglio riparare o sostituire allora?

Ma non si può andare oltre a una valutazione che sia piena e valuti allora il complessivo, e il quale è necessario in modo da permettere di tutelare il risparmio ma anche e insieme e al contempo anche e pure di offrire un ruolo a dir poco utile in tema di garanzia del suo utile funzionamento. E questo vale anche e in punto di ruolo della cosa e della casa di considerazione di un ruolo di ulteriore e magnifico finale di riparazione e invece di sostituzione come si dice.

Il fornetto elettrico adatto per tutti

Io credo e qui e dunque che da un punto di vista del tutto personale e di cucina un buon fornetto elettrico che sia fatto per bene debba sapere come cucinare e come scongelare. E proprio qui sta allora il problema principale che riguarda chi si debba prepararsi a una stima di opportunità di un fornetto elettrico. Vi faccio un esempio personale: ieri ho per sbaglio infilato una cosa di alluminio nel fornetto, e stavo per combinare una pessima cosa…

Ecco, questo mio fornetto elettrico che oramai ha tanti ma tanti anni, mi stava fin troppo sfiancando per le sue poche funzioni: essendo vecchio, infatti, esso ha ben poche alternative di uso, e questo ha determinato il fatto che molti miei pasti oggi non vengano più granché bene. E immagino bene che voi possiate capire che cosa questo implichi, e in specie se questo voglia o meno dire che ci si possa fare tanto o poco invece affidamento. E che sia questo o quello il punto forte io lo lascio decidere a voi, ma ciò che a me importa segnare è proprio questo, ossia che sia ben fatta la scelta per uno o per un altro.

A partire da questo risultato io penso che sia ben possibile procedere a completare il tutto ai fini di un risultato che determina un qualsiasi effetto di cucina a caldo che fa conseguire a tutto quanto si determina pure il tutto e pure il quanto che rilascia e si definisce in un ruolo del tutto epocale, io credo. E allora cercate di far funzionare il suo lavoro, e in questo modo potrete cucinare ogni cosa bene e senza fatica. In questo modo potrete risolvere non solo ogni problema, ma anche e pure ogni dubbio! Non penserete mica che questo sia un risultato da poco, vero?

Quanto può scaldare questo fornetto?

Questo è un problema non da poco, perché non è facile procedere alla pulizia di uno fornetto elettrico che è dotato di parti roventi, il che significa che bisogna stare bene ma bene attenti a non fare cose poco attente, perché in tal via è chiaro che in questo caso si possa determinare un risultato del tutto peculiare e pericoloso. Io fossi in voi e in specie mi doterei di tutto quanto necessario per la pulizia in base a quanto indicato dal libretto di istruzioni: voi cosa ne pensate? Avete mai provato voi?

La comodità di una valigia trolley per la mia estate

Questa estate mi sono trovata ad andare in vacanza su una isola, una delle più belle isole di tutto il nostro Paese, e forse voi avete già intuito quale questa possa essere: la Sardegna! E però vi è una brutta cosa nel fatto di andare in Sardegna, che però io vi dico non ha nulla a che fare ma ben e proprio nulla a che fare con quanto riguarda la isola in sé, ma solo per tutto quello che è il trasporto verso la isola. E difatti, prendere l’aereo per andare in Sardegna è molto costoso, e dunque risparmiare qualche soldo con una valigia trolley è a dir poco fondamentale.

Io comunque mi sento di dover dire tutto quanto ci abbia a che fare in un mondo che vede oggi una crisi a dir poco totale dal punto di vista della economia, e io penso allora che ove sia possibile salvare e risparmiare qualche soldo e qualche euro, magari lo si debba fare fin da subito, e allora io credo che si debba procedere con una analisi comparativa dei costi di ogni singola compagnia. Ma fatto sta e in prima battuta che bisogna per forza e di per certo prendere in piena e totale considerazione anche il maggior valore di una valigia trolley che occupa ben poco spazio.

E quindi se me lo consentite io vi vorrei dire che vi è il pieno bisogno di stare ben attenti a un valore del tutto proprio in relazione a quanto si consideri di tenere poco ma poco spazio occupato in aereo, in modo da poter tenere occupato solo il posto da bagaglio a mano e non invece quello in stiva, che ha costi molto ma molto più elevati. E se è possibile far stare tutte le cose in un trolley piccolo e comodo e maneggevole, perché mai si dovrebbe prendere una valigia pesante ed enorme?

Maneggevole, comoda e pure leggera

Io credo che questo dovrebbe bastare per lasciarvi intuire la grande bontà della mia posizione in favore di una valigia trolley invece che di una valigia molto più ingombrante: solo in questo modo infatti si possono ottenere ben tanti vantaggi i quali altrimenti e in caso contrario andrebbero persi in sé e per sé e del tutto, e inoltre in modo così da lasciarli del tutto inutili e non utilizzati, in sé.

Questo decespugliatore ha tante funzioni!

Io ho provato a farlo andare in ogni sua funzione, ma, e che sia ben chiaro, non sono ancora riuscito a completare ognuna delle sue funzioni, e sapete il perché: beh, è ben semplice, in realtà, perché questo mio nuovo decespugliatore ha per davvero un mare di funzioni! E io credo che prima che potrò provarle per davvero tutte ci vorranno mesi e mesi di duro lavoro nel mio bel giardino e a potare siepi su siepi, sapete? Voi cosa ne pensate, vi piacerebbe ricevere in regalo o comprare un decespugliatore multi funzionale?

Ma anche a questo punto della mia analisi, vi sembrerà evidente verso cosa si orienti la mia preferenza, ossia per una valutazione in sé e per sé delle potenzialità nascoste in un oggetto che ha in sé tante funzioni e non solo, ma che anche sia maneggevole e comodo da usare e magari pure e anche poco ingombrante e bello da vedere, insomma con una buona estetica. E va bene, siamo e sono forse un po’ pretenzioso, ma non mi pare che sia un reato sognare, e dunque sogno e sogno ancora: volete voi sognare con me, miei cari lettori?

Da questo punto di vista io penso che anche voi potreste cominciare a valutare e a prendere in considerazione come quella che in inglese viene chiamata multi tasking possa essere una qualità o una caratteristica di per certo da non disprezzare, in quanto in pieno utile e opportuna anche ai fini del contenimento dei costi e del risparmio di spazio, di tempo, di soldi e di tutto quanto a ciò consegua, dopotutto. Insomma, se per voi va bene, ragionare in questo modo può essere molto utile.

Il multi tasking come sguardo al futuro

E in effetti io penso che bisogna anche cominciare a pensare e ad avere un occhio di riguardo a tutta quella ricerca e a tutta quella tecnologia che vuole spingere al futuro per renderlo multi tasking, dato che questa io penso e ritengo e anche e però spero è la prospettiva tecnologica del futuro di decespugliatori migliori, che permetterà un risparmio tanto in fase di produzione quanto poi e anche in fase di distribuzione e di consumo o di acquisto che sia o che dir si voglia. Insomma, che voi ne sappiate o no, così è che si svolgerà il futuro, e così è che nei prossimi anni si arricchiranno gli scaffali.

Mi si è rotto il trapano a colonna!

Non sapete quanta sfortuna ho avuto ieri… stavo lavorando su un pezzo che sto curando oramai da molto, e con tanta ma davvero tanta precisione, e mi sono trovato con il trapano a colonna di una vita e di tante avventure si è rotto del tutto. Ma cavolo, voi proprio non sapete quanta sfiga ho avuto e quanto ho pensato brutte cose sul fatto che si sia del tutto rotto: e infatti e appunto, era pure questo il trapano di una vita, che mi ha accompagnato per tanti e tanti anni ma anche e pure tanti ma tanti lavori. Insomma, una rabbia!

Ma comunque sia, ho trovato in giro per la rete qualche buon consiglio per riparare il mio trapano a colonna, ma non sembra che ci siano soluzioni o alternative valide. In modo che ho potuto così e poi avere anche grandi e bei risultati in fase di successiva ricerca di una buona soluzione, ma ahi me comunque senza alcun effetto. E non solo da un punto di vista che è per poi così dire di battuta o anche e pure di analisi superficiale, ma invece del tutto, che poi non è nemmeno la stessa cosa in sé e per sé ma che consente comunque di raggiungere un simile verdetto finale.

Ma allora cosa posso fare? Voi avete qualche consiglio per poterlo sostituire o per venire incontro a un povero uomo appassionato di fai da te come me, e il tutto senza spendere cifre enorme che poi diventano a dir poco sproporzionate? Io vorrei solo che tornasse a funzionare, anche perché non lo uso mica per lavoro e dunque non mi serve proprio un gran modello che sappia fare chissà che cosa… vi prego, cercate di aiutarmi!

O soluzioni alternative da proporre?

Non so più come andare a procacciarmi soluzioni al mio problema… Vi andrebbe di scrivermi qui nei commenti o anche e invece dalla pagina dei contatti per farmi sapere qualche buona notizia su quanto sta succedendo al momento al mio trapano? Se avete magari dei consigli per risolvere la situazione o se sapete invece dirmi dove trovare un altro modello che abbia un prezzo basso in sé e per sé o anche e pure perché vi sia qualche sconto o promozione del momento? Ne ho davvero bisogno, e sarò grato a chi saprà ma anche solo proverà ad aiutarmi.

Aiuto, mi serve un navigatore!

Non ci sono più gli uomini di una volta, quelli che imparano le strade a memoria e sanno orientarsi in qualunque luogo, anche se non lo hanno mai visto prima. È anzi notizia recente che il mercato dei navigatori satellitari  ha ottenuto un incremento nelle vendite davvero vertiginoso. Spostarsi, e risparmiare in questi spostamenti, si rivela oggi una esigenza necessaria e impellente, che chiunque preferisce fronteggiare avendo per le mani le armi giuste.

La comodità di questi strumenti è in fondo innegabile: essi permettono di evitare errori agli svincoli, con conseguente necessità di spendere più soldi per i pedaggi, e addirittura consentono la ricerca semplice, sicura e immediata di strade alternative, per garantire opzioni di viaggio più convenienti e meno stressanti. La possibilità di individuare autovelox, telepass e ingorghi nel traffico facilitano la vita di ogni lavoratore.

Garmin vs. TomTom: sfida tra titani!

Quando si parla di navigatori satellitari, il pensiero non può non correre verso le due aziende leader del settore, ossia Garmin e TomTom. Scegliere tra queste due soluzioni alternative si pone addirittura come un dilemma quasi amletico, e non sempre la mera questione del prezzo aiuta a risolvere la domanda. Proviamo in questo articolo a comparare le soluzioni offerte da queste due case produttrici.

Entrambe offrono infatti alcuni dei servizi che, con maggiore interesse per i clienti, si impongono sulle schede tecniche di questa tipologia di navigatori satellitari, ossia:

  • Posizione degli autovelox: quelli caricati sui navigatori in via di default dalle case produttrici sono quelli caratterizzati da postazione fissa, ossia come comunicati dalla Polizia di Stato
  • Evita il traffico: individuando i principali snodi nei quali il traffico e gli ingorghi vengono a formarsi, il guidatore può evitare di perdere in tempo in lunghe ed estenuanti code
  • Evita il pagamento di pedaggi: il navigatore permette di prendere le autostrade quando è possibile uscirne prima di dover pagare i pedaggi

Insomma, tale serie di vantaggi rivelano l’acquisto di navigatori satellitari quasi come un obbligo per chi si trova spesso, per i più disparati motivi, in giro in automobile: basti pensare a chi si sposta per lavoro, o per studio, o ancora alla loro comodità in estate o, in altro periodo dell’anno, quando si decida di andare in vacanza.

Il risparmio e gli aggiornamenti amatoriali

Questi navigatori satellitari hanno un loro prezzo, spesso non indifferente, che è comunque rapportato alla qualità dei servizi offerti. Spesso per l’aggiornamento delle mappe è richiesto il pagamento di una tariffa ulteriore. Al contempo, diffidate da aggiornamenti amatoriali, che rischiano di danneggiare il vostro dispositivo rimettendovi alla necessità di un esborso ben maggiore rispetto a quello di un semplice aggiornamento!

In particolare, esistono aggiornamenti amatoriali per quanto riguarda le posizioni di autovelox mobili, segnalati dagli utenti e dunque inseriti sul navigatori ove è probabile che il guidatore possa trovarli: indubbia la comodità di una simile soluzione, ribadiamo comunque i rischi connessi alla buona salute e integrità del vostro dispositivo. E, in fondo, i limiti di velocità vanno sempre e comunque rispettati!

La Regione Lombardia apre alla via web!

Una iniziativa estremamente lodevole quella adottata dalla Regione Lombardia in materia di sanità. Per tutti coloro che decideranno di aderire gratuitamente alla iniziativa, infatti, sarà possibile prenotare esami e controllare i risultati degli stessi tranquillamente e semplicemente online, direttamente dal proprio divano di casa; niente più code, niente più rabbia, niente più attese infinite al CUP (Centro Unico di Prenotazione) dell’ospedale.

I requisiti per accedere al servizio

Ottenere l’accesso al servizio è estremamente semplice. Sarà sufficiente recarsi presso un qualsiasi sportello abilitato e presentare la seguente documentazione:

  • Carta regionale dei servizi
  • Numero di telefono cellulare

Il numero di cellulare è richiesto perché la seconda parte della vostra password di accesso vi sarà recapitata proprio tramite sms.

È dunque chiaro che la procedura di registrazione, accesso e verifica verrà poi effettuata totalmente al computer, tramite internet. Per i meno avvezzi all’utilizzo di queste tecnologie, un semplice foglio illustrativo spiegherà con chiarezza ogni procedura

I benefici di questa innovazione

La possibilità concessa oggi dalla Regione Lombardia di procedere in tal senso permetterà un notevole risparmio di denaro: niente più esami stampati per poi non essere mai ritirati, niente più code infinite ai centri unici di prenotazione con conseguente ingolfamento del sistema sanitario e dispersione dei pazienti. E non solo: questo migliorerà anche gli stessi rapporti dei pazienti con i propri ospedali, contribuendo così a una più effettiva e positiva collaborazione.

Attraverso il portale web offerto dalla Regione, infatti, sarà possibile completare moltissime operazione attraverso pochi, semplici click. Vi proponiamo un breve elenco di tutto quanto potrete completare dal sito internet:

  • Prenotare gli esami
  • Visualizzare direttamente online i risultati e gli esiti degli esami
  • Cambiare il proprio medico
  • Verificare la correttezza dei propri recapiti

Una innovazione geniale!

Direi che è possibile dare una opinione assolutamente favorevole di questo intervento deciso dalla Regione Lombardia in materia di sanità. E questo non solo in ottica di taglio dei costi, che è quanto mai opportuna in un periodo di crisi economica quale quello in cui versiamo oggi, ma anche al fine di aumentare la sensibilità dei cittadini verso la possibilità di accesso e utilizzo delle nuove tecnologie.

Una iniziativa dunque che dovrebbe essere estesa in tutta Italia, se, come ci aspettiamo, determinerà i risultati positivi che si lasciano presagire. Potrebbe questa essere inoltre una prima ed efficacissima mossa per smuovere la sensibilità della stessa Pubblica Amministrazione italiana nella direzione di una promozione delle nuove tecnologie in ottica di taglio dei costi, risparmio sulla spesa pubblica e ottimizzazione delle procedure.

E voi, vivete in Lombardia e avete mai testato questo sistema? Oppure vivete in una diversa regione del nostro bel Paese e ritenete che questa soluzione potrebbe essere ottimale anche nella vostra realtà? Come primo post di questo nostro magazine, direi che è il momento di aprire alle discussioni e ai commenti sulle news, italiane ed estere, che pubblicheremo e di cui dibatteremo in questo spazio web. E intanto rimaniamo in attesa di una diffusione capillare di questa nuova possibilità.